CONSOLATO THAILANDIA

VIA NOMENTANA, 132

00162 – ROMA

VISTO PER AFFARI 

– Lettera della ditta italiana su carta intestata di richiesta visto per la persona che parte, specificando il motivo della visita, la ditta da contattare ed il tempo di permanenza (data entrata ed uscita)
– Stampa voli (da terminale con timbro e firma dell’Agenzia oppure su carta intestata dell’Agenzia di viaggi con timbro e firma dell’Agenzia)
– Fotocopia del passaporto con data e firma del cliente
– Passaporto valido 6 mesi, firmato (+ fotocopia della 1° e 2° pagina del passaporto)
– 1 modulo (indicare nel modulo: nome dell’albergo in Thailadia oppure nome e cognome della persona ospitante, indirizzo e n. di telefono)
– 2 foto in originale ed uguali
– Diritto consolare : euro 30,00 (permanenza 2 mesi / 1 entrata)
– Diritto consolare:  euro 60,00 (permanenza 4 mesi / 2 entrate)

Tempo di rilascio: 3/4 giorni

VISTO PER TURISMO 1 ENTRATA:

– Stampa voli

– Passaporto valido 6 mesi dall’entrata in Thailandia (+ fotocopia della 1° pagina del passaporto)

– 1 modulo

– 2 foto tessera

– conferma alberghiera

– estratto conto bancario (minimo euro 550.00) oppure ultima busta paga (x dipendenti), dichiarazione dei redditi (x lav. Autonomo)

Diritto consolare : euro 30,00 (1 ENTRATA – permanenza fino a 2 mesi)

Tempo di rilascio: 4-5 giorni

VISTO PER TURISMO MULTIPLO 6 MESI:

– Stampa voli

– Passaporto valido 6 mesi dall’entrata in Thailandia (+ fotocopia della 1° pagina del passaporto)

– 1 modulo

– 2 foto

– conferma alberghiera

– estratto conto bancario con almeno 6000 euro

– documentazione attestante l’attività lavorativa (ultima busta paga (x dipendenti) oppure visura camerale (x lav. Autonomo) o dichiarazione dei redditi)

Diritto consolare : euro 150,00 multiplo

Tempo di rilascio: 4 giorni

Validità: 6 mesi da quando il console firma, 2 mesi di permanenza per ogni ingresso.

VISTO NON IMMIGRANT “B” (LAVORO)

Per una permanenza di 90 gg in Thailandia

Per i cittadini Italiani:

– 1 modulo

– 2 foto a colori (recenti)

– passaporto in originale valido almeno 6 mesi + fotocopia delle pagine da 1 a 3 e della pagina del rinnovo.

– Prenotazione del volo o biglietto aereo A/R + fotocopia

– Lettera di richiesta della ditta italiana all’Ambasciata

– Lettera di richiesta della ditta tailandese all’Ambasciata

Nel caso in cui i richiedenti fossero proprietari o soci delle ditte in Thailandia, i documenti da allegare sono:

– Registrazione della ditta alla Camera di commercio Tailandese + fotocopia autenticata dall’ufficio competente

– Permesso di lavoro + fotocopia

Diritto consolare: € 50 per ogni entrata

DOMANDA DI VISTO PER RESIDENTI TEMPORANEI IN BASE AL CODICE ‘O-A’

Requisiti per i richiedenti.

– E’ necessario aver compiuto 50 anni (al momento della presentazione della domanda).

– E’ necessario essere persone a cui non sia proibito l’ingresso nel Regno di Thailandia.

– E’ necessario avere una fedina penale pulita.

– E’ necessario avere la cittadinanza o la residenza nel paese in cui la domanda viene presentata.

– I richiedenti non devono avere malattie proibitive come da Regolamento Ministeriale n. 14 (B.E. 2535).

– I richiedenti non devono avere il permesso di lavorare in Thailandia.

Documenti per la domanda.

– Passaporto con validità residua per un periodo non inferiore a un anno e mezzo.

– Tre copie del modulo di richiesta del visto (più 03 fotografie).

– Un formulario per le generalità.

– Copia di un estratto conto bancario da cui risulti depositata una somma non inferiore a 800.000 baht

o l’equivalente in Euro, un certificato di pensione (copia originale) con uno stipendio mensile che non sia

inferiore a 65.000 baht, oppure un conto di deposito più un reddito mensile che non sia inferiore a

800.000 baht all’anno.

– Lettera di garanzia dalla banca (copia originale) in inglese.

– Certificato penale rilasciato nel paese di residenza emesso non prima di 3 mesi. Il Certificato deve essere

tradotto in Inglese, la traduzione giurata e legalizzata in tribunale.

– Un certificato medico emesso dal paese in cui viene presentata la domanda, che non riporti malattie

proibitive come da Regolamento Ministeriale n. 14 (B.E. 2535) (il certificato dovrà essere emesso non

prima di 3 mesi).

– Nel caso in cui il richiedente voglia far risiedere anche il coniuge nel Regno e qualora il coniuge non abbia

i requisiti necessari per il visto con il codice O, sarà necessario presentare anche il certificato di

matrimonio come prova. (Il coniuge verrà preso in considerazione per il Visto per Residenti Temporanei

in base al Codice ‘O-A’).